Come risparmiare sull’assicurazione moto

Nella guida che segue presenteremo alcuni suggerimenti utili per risparmiare davvero sull’assicurazione moto, senza risparmiare però su sicurezza e sugli obblighi di legge. Scopriamo come fare.

(Potrai leggere il resto dopo, con calma.)


Risparmiare sull’assicurazione? È possibile!

Partiamo da un presupposto: risparmiare sulle polizze moto è possibile, per tutti, a prescindere dalla classe di merito di appartenenza o da altri fattori. Ciò che cambia è ovviamente l’entità del risparmio, che in alcuni casi potrebbe però rivelarsi anche molto importante. Non è raro infatti che le polizze moto vengano rinnovate per abitudine, senza confrontare o considerare compagnie concorrenti rispetto a quella scelta.

A questo proposito si tenga presente che ormai da qualche anno non è più obbligatorio presentare una disdetta in caso di cambio di compagnia assicurativa; per questo un risparmio effettivo che non comporti un investimento di tempo elevato è realmente alla portata di tutti i motociclisti.

Assicurazione moto online o tradizionale?

Un primo suggerimento che possiamo dare a chi vuole sapere come risparmiare sulla polizza moto è quello di considerare in primo luogo il mercato delle polizze online. Abbiamo dedicato una scheda a questi prodotti specifici (la trovate a questa pagina), ma ricordiamo comunque anche in questa sede che le polizze moto online presentano alcuni vantaggi anche economici rispetto a quelle tradizionali, con tariffe e promozioni talvolta dedicate esclusivamente a questo canale.

Come risparmiare nella scelta

Vediamo ora a cosa fare attenzione nella scelta del prodotto assicurativo, focalizzando l’attenzione sui parametri che più influenzano il premio assicurativo.

I massimali

Un primo campo sul quale è possibile intervenire è quello relativo ai massimali di polizza. Si tenga presente che solitamente vengono presentate due o più opzioni per quanto riguarda questo aspetto; la scelta dei massimali più bassi consente di solito un risparmio effettivo.

Prima di modificare al ribasso i massimali è sempre però opportuno valutare che questi siano comunque adeguati ad un ipotetico incidente di grave entità. I massimali rappresentano infatti il tetto massimo di risarcimento a carico della compagnia assicurativa. Tenerli troppo bassi equivarrebbe a correre un rischio, da valutare con attenzione caso per caso, in quanto nell’eventualità di superamento del massimale la restante quota potrebbe essere richiesta all’assicurato (nonostante ciò rappresenti un caso estremo).

La franchigia

Un altro aspetto spesso presente nelle polizze assicurative per moto è la franchigia. Con questo termine si intende una soglia di danno al di sotto del quale il danno rimane e a carico dell’assicurato.

La franchigia di solito è espressa con un valore assoluto in euro, ma può essere presente anche come percentuale.

Facciamo un esempio per comprendere il funzionamento delle tue tipologie di franchigia. Un motociclista assicura la proprio moto con una polizza che prevede una franchigia di 150 euro in caso di incidente. Un secondo motociclista sottoscrive invece una polizza con franchigia pari al 10%. In caso di incidente con un danno pari a 300 euro, il primo motociclista si dovrà fare carico di 150 euro di spesa, mentre per il secondo questa spesa sarà pari a 30 euro, con un rimborso da parte della compagnia assicurativa rispettivamente pari a 150 e 270 euro.

Di solito i prodotti assicurativi con franchigia hanno un prezzo inferiore rispetto a quelli di tipo tradizionale, ma andrebbero considerati con attenzione nel caso in cui il rischio di incidente sia elevato, in quanto in caso di più incidenti le spese a carico dell’assicurato potrebbero superare il risparmio ottenuto tramite la scelta di questo tipo di prodotto.

Le assicurazioni temporanee

Un terzo aspetto al quale prestare attenzione per risparmiare sulla polizza moto riguarda la durata della validità della polizza stessa. Infatti non è raro che un motociclista utilizzi la propria moto solo in determinati periodi dell’anno, più o meno prolungati. In questo caso una polizza di durata inferiore rispetto alla comune polizza annuale potrebbero consentire un risparmio anche importante.

Se la percorrenza chilometrica annua non è molto elevata, possono esser perse in considerazione anche le polizze chilometriche a consumo, che prevedono cioè il pagamento di un premio proporzionale al numero di chilometri percorsi realmente o che si intendono percorrere nel periodo di validità della polizza. Queste polizze sono indicate per chi non percorre molti chilometri, anche utilizzando la moto per periodi prolungati.

Prima della scelta di una polizza temporanea, a consumo o sospendibile (cioè che può essere interrotta più volte nel corso della validità, con prolungamento della stessa) e è sempre consigliato considerare con attenzione le abitudini di utilizzo della moto e i chilometri percorsi in un anno tipico. Questa operazione potrebbe richiedere un po’ di tempo, ma non dovrebbe comunque rivelarsi complessa per i motociclisti con maggiore esperienza.

DA SAPERE – gli obblighi nelle polizze moto. Secondo il codice della strada, la circolazione di una moto è consentita solo in presenza della RC moto, cioè della copertura di base per responsabilità civile. Tutte le altre coperture possono quindi essere considerate accessorie, anche se utili in molti casi.

Coperture accessorie: utili, ma non sempre

Insieme all’RC moto obbligatoria per legge, i prodotti assicurativi offrono una serie di garanzie accessorie che possono rivelarsi utili, ma che concorrono all’aumento del premio della polizza moto. Tra queste possiamo citare la polizza furto e incendio, la copertura per danni alla moto o ancora quella per le lesioni al conducente in caso di torto. Tutte queste opzioni andrebbero valutate caso per caso, soprattutto se si intende risparmiare sul premio richiesto per la polizza.

I servizi aggiuntivi: a cosa fare attenzione

Alla stregua di quanto detto per le coperture accessorie, anche i servizi aggiuntivi (come l’assistenza stradale) dovrebbero essere valutati nella loro effettiva utilità prima della sottoscrizione. A questo scopo si valuti con attenzione di non essere già coperti con servizi simili, che renderebbero quindi inutile la scelta del servizio offerto insieme all’assicurazione.

Si tenga comunque presente che tutte le opzioni selezionate e i dati generali inseriti per la formulazione del preventivo possono essere modificati anche successivamente all’emissione dello stesso, in modo da valutare eventuali tagli a coperture accessorie o servizi facoltativi nel caso in cui il premio richiesto risulti più elevato rispetto al budget a disposizione per la polizza moto.

Come risparmiare sull’assicurazione moto
Vota Questo Articolo


⇒ Preventivi Assicurazioni Moto

Ultimo aggiornamento: 14/11/2018

ASSICURAZIONE MOTO
PREVENTIVO GRATIS
Scegli tra 3 opzioni:
  • Tutti i guidatori
  • Conducenti con età maggiore di..
  • Fino a 4 guidatori


ASSICURAZIONE PERSONALZZABILE
Sconto 25% sul secondo veicolo assicurato
Coperture di Conte Moto:
  • Rinuncia alla Rivalsa: con 5,00 € l’anno la Compagnia non potrà rivalersi su di te (es. se causi incidente in stato di ebrezza la compagnia potrrebbe rivalersi su di te).
  • Infortuni del Conducente
  • Tutela Legale e Protezione Punti Patente: avvocati esperti ti assisteranno nelle controversie
  • Assistenza Stradale
  • Incendio e Furto
  • kasko

Hai dubbi? Facci una domanda!