- Assicurazioni Auto

L’assicurazione auto, nota anche con l’acronimo RCA, consiste in un contratto assicurativo obbligatorio per poter circolare con un veicolo a motore. Secondo la legge italiana, infatti, l’assicurazione per la macchina è una condizione indispensabile per far uscire il veicolo dal garage e anche per parcheggiarlo in una strada pubblica.

Ma in che consiste, nello specifico, l’RC Auto e cosa copre? In questa guida ti spiegheremo, passo dopo passo, quali sono le caratteristiche delle assicurazioni auto e come fare per essere sempre a norma di legge.
Se sei pronto, iniziamo subito.

Caratteristiche e funzioni di una polizza assicurativa per auto

Dalle coperture dell’assicurazione auto alla normativa vigente, vediamo subito una serie di informazioni utili per stipulare la polizza su misura per le tue esigenze.
Assicurazioni auto: cosa sono?
La prima domanda a cui vogliamo rispondere in questa guida è: che cos’è un’assicurazione auto?

Come abbiamo accennato, l’assicurazione per automobile o RCA è un contratto di assicurazione obbligatorio per legge che consente la libera circolazione di un veicolo a motore.

Per RCA si intende Responsabilità Civile Autoveicoli ed è vincolante anche per poter posteggiare la macchina in una strada pubblica.

I soggetti coinvolti nella stipula di un RC Auto sono:

  • La compagnia assicurativa;
  • L’assicurato, ossia il proprietario e/o conducente dell’automobile;
  • Una terza parte, cui potrebbe spettare un risarcimento in caso di sinistro causato dall’auto assicurata.

Cosa copre l’RCA?

La funzione delle polizze auto è quella di tutelare il conducente del veicolo in caso di danni fisici o materiali provocati ad altre persone.

Stiamo parlando, dunque, di danni arrecati ad una terza parte, escludendo quelli procurati allo stesso assicurato; per la copertura di questi ultimi, infatti, occorre ampliare le garanzie della polizza oltre a quelle obbligatorie per legge.

Possono verificarsi dei casi in cui la compagnia di assicurazioni, pur dovendo indennizzare il danneggiato, può pretendere la restituzione di quanto pagato. In questi casi si può parlare di rivalsa.

Ci sono anche delle circostanze in cui la copertura non è operante: in questi casi si parla di esclusioni.
Tutte le casistiche non coperte dalla polizza assicurativa per l’auto che hai stipulato sono riportate nelle Condizioni Contrattuali.

Polizze auto e normativa italiana

Come abbiamo detto più volte, la legge italiana obbliga chiunque voglia circolare con una vettura alla stipula di un’assicurazione auto.

Ma quali sono i parametri stabiliti dalla legge? Iniziamo col dire che l’obbligo di assicurare l’auto per i danni causati ad altri durante la circolazione è stato introdotto in Italia nel 1969 dalla legge numero 990.

Nel corso degli anni, la normativa sulle polizze per automobili ha stabilito nuove direttive, in relazione ai massimali assicurativi. Infatti, se la vettura possiede una regolare copertura, gli eventuali danni causati da un sinistro saranno risarciti dalla compagnia nei limiti previsti da un massimale, ossia una cifra massima (concordata al momento della sottoscrizione del contratto di polizza) che la stessa assicurazione risarcisce in caso di incidente.

A tal proposito, il decreto legislativo 06/11/07 n.198, grazie al quale è stata recepita la direttiva europea di Parlamento e Consiglio europeo 2005/14/Ce datata 18 aprile 2005, ha stabilito che:

  • Nell’eventualità di danni alle cose, il massimale minimo è di 1.000.000,00 di euro per sinistro, senza tener conto del numero delle vittime;
  • Nell’eventualità di danni alle persone, il massimale minimo è di 5.000.000,00 di euro per sinistro, a prescindere dal numero delle vittime.

Tuttavia, le compagnie assicurative italiane offrono una vasta scelta per quanto riguarda il massimale. È possibile alzare il massimale rispetto alle indicazioni stabilite dalla legge anche con un minimo incremento del costo dell’assicurazione auto.

Solitamente i contratti per le polizze RCA hanno durata annuale.

Fino al 2012 i contratti RC Auto godevano del cosiddetto tacito rinnovo, vale a dire la proroga automatica della stipula per l’anno successivo. Ad oggi, con l’azione del Decreto Legge numero 179 entrato in vigore dal primo gennaio del 2013, il tacito rinnovo è stato abolito.

Inoltre, la normativa stabilisce che la copertura non risulta essere più valida, in caso di mancato rinnovo della polizza, a partire dal 16° giorno successivo alla scadenza del contratto.

Sanzioni e provvedimenti in caso di guida senza assicurazione

La guida senza assicurazione auto vede a suo carico sanzioni decisamente importanti. I rischi legati al guidare senza assicurazione possono essere, ad esempio:

  • Sanzione pecuniaria, che può essere di diversa entità a seconda del caso di specie;
  • Sanzione amministrativa, che corrisponde al sequestro del veicolo non coperto da RC auto;
  • Risarcimento a carico del soggetto non assicurato dei danni provocati a terzi in caso di incidente

Assicurazione auto online o tradizionale: cosa cambia

Se hai intenzione di richiedere preventivi per l’assicurazione auto, la scelta può cadere su compagnie assicurative online o tradizionali.

Non esiste una scelta migliore e una peggiore, fermo restando che le assicurazioni auto online possono avere diversi vantaggi, sia economici che pratici.

Ad esempio:

  • Possibilità di richiedere velocemente più preventivi a diverse compagnie assicurative;
  • Facilità di comparazione dei preventivi per l’assicurazione;
  • Semplicità nella stipula del contratto, che può avvenire direttamente online, risparmiando tempo;
  • Risparmio economico, perché le compagnie assicurative online godono spesso di tariffe assai vantaggiose, proprio perché non hanno costi fissi da gestire.

Guide consigliate