I costi delle polizze vita

Quando si stipula una polizza vita si immagina che il premio richiesto contenga in sé già tutti i costi relativi alla polizza. Non è però sempre così. Vediamo quindi quali sono i costi di una polizza vita e come possono influenzarne il capitale.

(Potrai leggere il resto dopo, con calma.)


Il premio

Il premio, periodico o una tantum, è il costo più immediato e tangibile delle polizze vita, ed è di solito quello che viene preso in maggiore considerazione per la scelta di una polizza. L’ammontare del premio dipende da diversi fattori, che includono la tipologia di prodotto e il profilo dell’assicurato.

Nelle assicurazioni con accumulo di capitale è facile pensare che il capitale accumulato negli anni corrisponda alla somma dei premi versati, ma in realtà non è sempre così. Vediamo nei prossimi paragrafi gli altri costi delle assicurazioni sulla vita.

Il caricamento

Il caricamento è una somma, espressa in valori assoluti o percentuali, che viene trattenuta dal premio per la gestione e le spese della compagnia assicurativa. La somma sottratta viene scalata dal premio versato ed influenza quindi il capitale accumulato. Facciamo un esempio.

Una polizza prevede il versamento di 500 euro annui ed un caricamento del 2% annuo. Il capitale dopo il primo versamento (al netto di altre spese), sarà quindi pari a 500 – 10 euro, cioè 490 euro.

Interessi e perdite

A seconda della tipologia di polizza vita, è possibile che vengano riconosciuti interessi o perdite, soprattutto se l’assicurazione è connessa a prodotti di tipo finanziario. In quest’ultimo caso l’andamento dei rendimenti è connesso a quello del prodotto e non sempre è garantito un guadagno minimo. Tuttavia di norma è assicurato almeno il mantenimento del capitale accumulato, anche se esistono eccezioni in tal senso.

ATTENZIONE –la comunicazione dei costi. Tutti i costi relativi alla polizza vita devono essere conosciuti dal cliente e sottoscritti in fase di firma del contratto. Per questo è sempre consigliato leggere con attenzione tutti i fogli informativi sul prodotto, con attenzione articolare alle voci di costo previste. Eventuali cambiamenti nei prezzi di gestione della polizza devono essere comunicati al cliente; si consiglia quindi di leggere sempre le comunicazioni inviate dalla compagnia di assicurazioni.

Riscatto anticipato

Un ulteriore costo che potrebbe essere richiesto riguarda la richiesta di riscatto anticipato dell’assicurazione vita. Non tutte le polizze prevedono questa possibilità, mentre per le altre sono previste limitazioni temporali (ad esempio non è possibile richiedere il riscatto anticipato prima di tre anni dalla stipula).

La percentuale di penale sul riscatto, e quindi il costo per il sottoscrittore, è variabile in base al prodotto, ma in alcuni casi potrebbe essere anche significativa rispetto al capitale versato e aglli interessi maturati. Per tutti i dettagli in merito al riscatto anticipato, rimandiamo ai paragrafi dedicati nella guida relativa al riscatto delle assicurazioni sulla vita, presente nella guida pubblicata su questo sito.

Altri costi

Oltre ai costi descritti nei paragrafi precedenti, potrebbero essere presenti ulteriori costi aggiuntivi, come ad esempio quelli per l’invio delle comunicazioni periodiche obbligatorie o per le comunicazioni in generale, o ancora costi per eventuali modifiche del contratto da parte del cliente.

Ulteriori costi potrebbero essere infine rappresentati da eventuali servizi aggiuntivi connessi alla polizza vita.

Quanto costa davvero una polizza vita?

Da quanto detto in precedenza si capisce come le assicurazioni sulla vita siano soggette a costi aggiuntivi che possono rivelarsi anche importanti. Per capire quanto costa davvero una polizza vita è necessario avere a disposizione il contratto, e considerare tutte le voci di spesa. Si tenga presente che soprattutto per le voci percentuali, potrebbe non essere semplice calcolare tutti i costi effettivi della polizza nel corso dell’intera durata, anche se in realtà è possibile stimare i costi con una buona approssimazione.

Per il calcolo dei costi effettivi si devono quindi tenere presenti: il premio versato, i caricamenti, gli interessi ed i costi aggiuntivi, oltre alle altre eventuali spese. Continuiamo con l’esempio precedente per rendere più semplice il calcolo.

Abbiamo ipotizzato una polizza con premio annuo pari a 500 euro e un caricamento del 2%. Il capitale dopo il primo versamento (al netto di altre spese), è pari a 500 – 10 euro, cioè 490 euro.

Sulla polizza è riconosciuto un interesse annuo dell’1%, da calcolare sul premio al netto del caricamento. Gli interessi dopo il primo anno saranno quindi pari a 4,90 euro, per un capitale totale di 494,90 euro.

Supponiamo ora che il contratto preveda il pagamento di due euro all’anno per l’invio postale delle comunicazioni periodiche, che vengono sottratti dal capitale. Al termine del primo anno esso sarà quindi pari a 492,90 euro, cioè 7,10 euro in meno di quanto versato con il premio.

(L’esempio è puramente indicativo, così come indicativi sono l’ammontare del premio ed i costi connessi).

I costi delle polizze vita
5 (100%) 1 vote


⇒ Preventivi Polizze Vita

Ultimo aggiornamento: 14/11/2018

ASSICURAZIONE VITA
PREVENTIVO GRATIS
Mettiti in contatto gratis e senza impegno con esperti della tua zona


CALCOLA GRATIS E SENZA IMPEGNO

Hai dubbi? Facci una domanda!